Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4890"]
Zapisz Zapisz

COSTUMI DA BAGNO

Anche quest’anno, come tutti gli anni, mi trovo al mare. E’ da quando sono nata che lo vivo ogni estate pur non amandolo particolarmente, prima perché mi faceva bene alla gola, immagazzinavo energie positive per l’inverno, poi perché avevo la compagnia, e infine negli ultimi anni, perchè piace a mio figlio.

Non ho mai avuto un buon rapporto con il mio corpo, prima perché ero troppo magra e senza seno e quindi oggetto di scherno per questo, adesso perché sono troppo grassa.

Il bullismo esiste ad ogni età, la gente parla, commenta e ti guarda come se tu non fossi presente, IL GIUDIZIO in merito alle scelte del costume da bagno (come dei vestiti, come delle acconciature etc etc) si fonda sul metro del decoro personale di chi parla, che si permette di sentenziare qualsiasi cosa come se fosse il detentore della verità e non chiedendosi (ma neanche ponendosi il problema) di come possa sentirsi l’altro o del perché della scelta.

“Guarda quella culona col due pezzi..” – “con quella pancia starebbe meglio col costume intero” . “che smagliature” – “la cellulite”… e via così.

Ma io mi chiedo… perché guardarmi se disturbo così tanto e offendo la sensibilità? Il mondo è bello perché è vario, o come dice una mia cara amica, perché è avariato. C’è posto per tutti.

Spesso vedo ragazze molto giovani, anche a scuola, che si vestono in maniera che non dona loro, magari con pantaloni che strizzano le cosce oppure con magliette troppo attillate. Ma le sto guardando io, sono io che le vedo così. E loro come si vedono? Chi sono io per minare la loro autostima? Sono io che magari le trovo ridicole mentre loro si sentono perfettamente a loro agio. Quindi credo che sia importante tenere per sé pareri non richiesti!!

Ovviamente se chiedo o mi chiedono un consiglio, anzi un’opinione la parola d’ordine è SINCERITA’.

Io so bene che sto meglio col costume intero che copre un po’ dei miei difetti, ma a volte mi sento meglio con il bikini, mi fa sentire libera. Per cui provate a guardare con gli occhi di chi indossa e non con i vostri.

signature
5 Responses
  • Sabrina Paladini
    27 Luglio, 2020

    Sei il mio mito Monia hai perfettamente ragione..bisogna imparare a guardare senza farsi un giudizio …. Ogni persona è bella perché è fatta così….

  • Barbara vestrini
    27 Luglio, 2020

    Cara Monia hai perfettamente ragione dicendo che si dovrebbe guardare con gli occhi di chi indossa un capo di abbigliamento.
    Per quanto riguarda te ti dico, come ti ho già detto tante volte, che tu indossi benissimo ciò che ti metti… Personalmente ti apprezzo molto. Chilo più kilo meno… Per quanto riguarda il bikini.. Tutte lo devono portare se piace. Un abbraccio

  • Anna Maggio
    27 Luglio, 2020

    Sei una ragazza unica, i commenti delle persone feriscono molto, ti capisco benissimo, secondo me a volte anche per invidia, non hai niente di cui vergognarti, anzi, sei una bellissima donna solare morbidosa, se ti va di mettere il due pezzi mettilo tranquillamente, l’importante è sentirsi a proprio agio e fregarsene, tra l’altro sono tornati di moda i costumi che portavano le mamme quelli con la mutanda alta o un pochino a pantaloncino, secondo me stai benissimo, se ti guardi in giro come hai detto te vedi certa gente che in casa non ha specchi, donne di una certa età con cinque culi e mezzo messi insieme, si presentano in spiaggia con tanga, magari si mettono in topless e hanno la pancia, la sotto pancia della pancia e ancora sotto pancia della pancia
    Non so se hai capito il concetto ma te non sei mai vestita ridicola nonostante le tue forme morbide, anzi molte volte t t’nvidio sai portare tutto con eleganza e sobrietà come i tuoi meravigliosi occhiali o il colore dei tuoi capelli, i tuoi meravigliosi vestiti colorati e allora cosa aspetti si al due pezzi che saprai sfoggiare alla grande

  • Patrizia
    29 Luglio, 2020

    Anche io sono stata oggetto di prese di giro perché magra, ma la magrezza era relativa il grosso problema era il mio seno. Piccolo.
    Poi ho fatto una considerazione e ho visto che molto imperfezioni erano presenti sul mio corpo. Non ho voluto credere che fossero belle, erano brutte, davvero brutte e da quando ho preso atto della loro bruttezza senza nascondermi con falsi miti…è accaduto il miracolo. Tutti i difetti messi insieme convivono pacificamente. Non mi sono detta ho la cellulite e il mio sedere è bello lo stesso. Ho detto ho la cellulite il mio sedere ora è brutto ma pace, amen. E poi altre piccole cose sparse in qua e là. Ho iniziato a giocare anche con loro, ho ricercato in loro il di punto di forza. Dove non l’ho trovato, pace, ma in altri é stato possibile. Poi è arrivata la sorpresa, quel seno tanto disprezzato a quasi 50anni e dopo una figlia è rimasto perfetto. Wowww ho pensato. Quindi io, oggetto di scherno, ho preso atto del fatto che i miei difetti sono brutti, è oggettivo, e prendo atto con assoluta pace che non ho un bel corpo. Prenderne atto senza dire sono bella lo stesso, mi ha liberata dal voler pensare sono bella lo stesso, Io so Io. Punto. Sono libera dal bello e dal brutto. Gioco quando mi va con loro e quando non mi va me ne frego.
    E se mi chiedono come sta un costume mini su un corpo big gli rispondo che sarebbe meglio prendere una taglia sopra. E se mi chiedono come sta un costume su un corpo mini gli propongo quello più mini di tutti. Perché credo che l’abbigliamento come altre cose oggi esiste per farci giocare e trovare la giusta soluzione.
    Se mi va lo faccio
    Altrimenti Io so Io
    In un corpo bruttino, punto. Pace amen

  • Michela
    29 Luglio, 2020

    I colori che indossi rispecchiano perfettamente i colori splendidi della tua anima buona e gioiosa nonostante tutto. Non ascoltare le chiacchiere, a noi che ti vogliamo bene piaci in tutti i modi. 😘

Dimmi cosa ne pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *